Il centro Magigioco
Magigioco Logo

PRESENTAZIONE DEL CENTRO

Magigioco nasce a Brescia nel 2006 come Laboratorio di Pratica Psicomotoria e Sostegno alla Genitorilità.Dal 2014 siamo uno Studio Associato di Psicologia "Magigioco - Centro per la Crescita" ed abbiamo attivato, oltre alla psicomotricità, altri servizi (psicodramma, consulenze neuropsichiatriche infantili, psicoterapia, logopedia..) diventando così un sostegno a 360 gradi di bambini/e e ragazzi/e in difficoltà, dei loro genitori e degli adulti.

LE PROPOSTE DEL CENTRO:
Percorsi di Pratica psicomotoria relazionale


Scopri tutte le nostre attività nell'apposita sezione INIZIATIVE.

RESOCONTO DEL SEMINARIO DEL 6 MAGGIO 2017:

Un “Assaggio” del Master Internazionale di Specializzazione in Psicomotricità Relazionale

in programma da settembre 2017.

 

Si è svolto il 6 maggio presso la sede del Centro Magigioco il seminario “La Pratica Psicomotoria: Una Risposta Attuale ai Bambini del Nuovo Millennio” con il relatore belga Philippe Lemenu.

Il mondo si evolve, la famiglia si trasforma, la scuola materna non è più ciò che era 30 anni fa! Questa è stata la considerazione di partenza del seminario

L’intento del relatore è stato poi quello di analizzare e approfondire cosa effettivamente stia cambiando e come si possa affrontare questo cambiamento, sottolineando la necessità di un’ottica che non sia di contrasto e di un nostalgico “ritorno al passato”, ma di accoglienza della trasformazione in modo consapevole e costruttivo.

La pratica psicomotoria ha attraversato un'epoca intera che esordisce negli anni 80 e arriva fino ai giorni nostri. Philippe Lemenu ci ha invitato a riflettere su come la pratica psicomotoria educativa e preventiva risponda ancora oggi ai bisogni dei bambini della nostra società attuale.

20170506seminarioun seminario partecipato, un centinaio le persone presenti
tra insegnanti, educatori, psicomotricisti, psicologi....

Lemenu individua diverse concause del profondo cambiamento sociale in atto: innanzitutto la dimensione globale del consumismo da cui deriva un’ottica di volere tutto e subito, poi un’idea distorta di egualitarismo, del voler essere tutti uguali al punto da appiattire ogni differenza, considerandola solo nell’accezione di “ingiusta disuguaglianza”.

Anche l’autorità viene considerata al giorno d’oggi esclusivamente nel proprio lato negativo: oppressione e sottomissione dell’altro. Di conseguenza si commette spesso l’errore di sostituire l’autorità con il lassismo, con l’assenza di limiti, favorendo così il dilagare dell’individualismo e dell’egocentrismo.

Altro elemento protagonista del cambiamento è, secondo Philippe Lemenu, la dimensione tecnologica e la confusione tra il piano reale e quello virtuale insieme al tentativo di cancellare l’idea di limite, compreso quello biologico.

Punto centrale della riflessione è stato poi il ragionare sul posto occupato dal bambino all’interno della famiglia, osservando come si sia arrivati a rendere il bambino il centro di tutto, spesso sacrificando le altre relazioni familiari, come quella della coppia genitoriale, e finendo per dare al bambino un potere “eccessivo”.

Il relatore ha portato numerosi esempi e anche attraverso il “gioco delle sedie” è riuscito a far interiorizzare questi concetti ai presenti, a nostro avviso, non solo a livello razionale ma anche a livello emotivo.  

Dopo la pausa pranzo, grazie ad una divertente e coinvolgente “attivazione” proposta dal relatore che ha saputo risvegliarci dall’assopimento legato alla  digestione, i presenti hanno potuto sperimentare sul piano corporeo ed emotivo il concetto di limite e quello di presenza..

Un breve ma significativo intervento ha permesso alle rappresentanti delle associazioni “Emmi’s Care” ed “Edufrog” di spiegare il significato profondo dell’allestimento della mostra itinerante “Sguardi d’infanzia - illustrazioni in movimento” durante il seminario (in una sala adiacente a quella in cui si svolgeva il seminario stesso),

Nella fase conclusiva del seminario, Philippe Lemenu ha mostrato chiari esempi di come la letteratura per l’infanzia e la gioventù illustri e riproduca questi cambiamenti. Sono state proiettate in sala illustrazioni di fiabe e racconti per bambini risalenti al XIX secolo e poi illustrazioni di libri moderni… il contrasto è sorprendente ed è stato spunto per riflessioni importanti. L’analisi puntuale delle immagini da parte del relatore ci ha permesso di cogliere aspetti e dettagli delle immagini ed il loro significato nel veicolare valori culturali e sociali radicalmente diversi.

Questo lavoro è stato, a nostro parere, coerente e in linea con i contenuti emersi durante la mattinata.

In conclusione i rappresentanti del Centro Magigioco e dell'Associazione Ce.Ri.P.D.I., che hanno promosso questa iniziativa, si sono unite al relatore belga e al formatore Asefop Ivan Arlotti per presentare insieme il Master di specializzazione in psicomotricità relazionale che avrà inizio nel mese di settembre 2017.

Philippe ha sottolineato come essere in empatia tonico-emozionale con il bambino necessiti innanzitutto di una solida formazione, come quella offerta dal Master, che si articola su tre versanti: la formazione personale, la formazione pratica e la formazione teorica.

20170506lemenu
un'immagine di Philippe Lemenu,
sullo sfondo l'interprete Davide Fiorentini

Al termine è stato lasciato spazio a domande e richieste di approfondimento da parte del pubblico.

Philippe Lemenu, tra gli applausi del pubblico, ha salutato e ci ha dato appuntamento per il 7 ottobre 2017, giorno in cui tornerà a Brescia per il primo seminario aperto nell’ambito del Master biennale che inizia a settembre.

Sarà compito di tutta l’equipe del Centro Magigioco e dell’associazione Ce.Ri.P.D.I. quello di fare in modo che il seminario del 6 maggio non resti una giornata speciale ma rappresenti l’inizio di un lungo ed intenso percorso formativo rivolto in primo luogo ai professionisti dell’educazione e dell’aiuto a bambini in difficoltà.

Per i due anni di durata del Master (settembre 2017 - giugno 2019) si alterneranno infatti a Brescia formatori di spicco a livello europeo tra cui ricordiamo, oltre allo stesso Philippe Lemenu:

Giuseppe Nicolodi, Anna Luna Muns (da Barcellona), l’equipe del Centro CFP di Torino, Ivan Arlotti (formatore Asefop di Milano) e tanti altri...


Resoconto a cura di:
Dott. Pasta Matteo

Dott. De Rocco Marco

 

Attività per le Famiglie
Magigioco Logo

SEI UN GENITORE?

Le attività ed i servizi offerti per la famiglia come insieme e per i suoi componenti.

Le attività per le Scuole
Pagekit logo

SEI UN INSEGNANTE?

Presentazione delle attività svolte per le scuole (dall'asilo nido alla scuola superiore).

Le attività per gli Operatori
Uikit logo

SEI UN OPERATORE?

Formazione e supervisione per insegnanti e professionsti del settore.

Il centro Magigioco
Magigioco Logo

CERCHI AIUTO?

Presentazione delle attività di sostegno psicologico e di psicoterapia rivolte agli adulti (non necessariamente genitori).